Notizie

SOTTO LA TOQUE:

Natale Giunta
Coraggioso, Instancabile, Unico

Abbiamo sollevato il cappello da cuoco a Natale Giunta cuoco, imprenditore a 360° e titolare del Ristorante Castello a Mare a Palermo, che ci ha svelato i suoi segreti: da cosa voleva diventare da grande a ciò che non manca mai nel suo frigorifero

Quest’anno festeggia i vent’anni di professione, cosa della quale è orgogliosissimo, visto che all’anagrafe ne compie 39, un traguardo che davvero non è da tutti.
Un mestiere che si è scelto da solo, senza influenze da parte dei genitori che di lavoro facevano tutt’altro e non si dedicavano alla cucina nemmeno per diletto, l’unico ricordo che può aver influenzato il Natale bambino è stato forse il profumo del pane e dei biscotti che gli zii preparavano ogni giorno.
Tutto il resto del percorso è stato costruito con coraggio e carattere, due risorse che non gli sono mai venute a mancare.
Natale Giunta ha aperto il suo primo ristorante a Termini Imerese a 19 anni, dopo aver studiato all’alberghiero e all’Etoile di Boscolo a Chioggia e dopo aver trascorso un periodo a Milano con un mentore di lusso come Sergio Mei, poi dalla Sicilia non si è più mosso, sfidando tutto e tutti per conquistarsi il diritto ad esercitare a modo suo, cioè libero, il mestiere di cuoco che Giunta considera irrinunciabile, non lo cambierebbe con nessuna attività al mondo.
Un panzer, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e sfide, siano nuove aperture che consulenze al top, con la pulizia morale di pensare sempre al bilancio, non solo per se stesso, ma per tenere fede agli impegni e onorare i collaboratori, da vero imprenditore.
Nei suoi piatti l’amore supremo per la sua regione, rivisitazioni a piccole dosi e tanta verità. Dal mare alla terra non trascura nessuna risorsa che possa raccontare la storia culinaria siciliana, dal cous-cous allo streetfood traccia un racconto che affascina e non si fa dimenticare.

-Da bambino cosa sognavi di diventare?
Un cuoco.

-Il primo sapore che ti ricordi.
I biscotti di mia zia che era di origine greca, fatti con la pasta kataifi, il miele e le noci.

-Qual è il senso più importante?
Vista, olfatto e gusto insieme

-Il piatto più difficile che tu abbia mai realizzato.
Le preparazioni con la carne in generale. Non è completamente nelle mie corde e mi ci devo impegnare.

-Come hai speso il primo stipendio?
Per l’auto, ma anche il secondo, il terzo…

-Quali sono i tre piatti che nella vita non si può assolutamente fare a meno di provare?
La pasta al pomodoro, la pizza e i dolci siciliani.

-Cosa non manca mai nel frigo di casa tua?
C’è quasi sempre solo acqua fresca. Mangio sempre fuori.

-Qual è il tuo cibo consolatorio?
Yogurt, cereali e frutta.

-Che rapporto hai con le tecnologie?
Molto buono, sono legato alla tradizione ma guardo avanti.

-All’ Inferno ti obbligano a mangiare sempre un piatto: quale?
I formaggi dal gusto e odore troppo forti non li sopporto.

-Chi inviteresti alla cena dei tuoi sogni?
Papa Francesco… mi emoziona.

-Quale quadro o opera d’arte rappresenta meglio la tua cucina?
Un’opere molto creativa, qualcosa che “spacchi”.

-Se la tua cucina fosse una canzone quale sarebbe?
Una canzone di Jovanotti.

www.facebook.com/1375047226095860/photos/a.13...